La prima volta che ho sentito parlare di Roomba è stato ad Ottobre 2017 quando mia madre aveva visto questo su un giornale locale. A quel punto non sapevo come funzionasse, incuriosito mi sono informato e da quel momento molte mie idee sono cambiate. All’inizio immaginavo Roomba come uno di quei vecchi Robot che dovevi togliere tutto quello che hai in casa e mettere dei sensori whitehouse per dirgli “Ehi, guarda che la casa è anche qui!”, e invece no. Roomba è diverso.

La cosa che mi ha sorpreso di più di Roomba era l’intelligenza. Avete capito bene: Roomba è intelligente. Vede, sente e si muove di conseguenza. Magia? No, sensori digitali. [sociallocker id=2068]

Roomba 960: L’intelligenza.

Roombino (così ho chiamato il mio Roomba) ha un sacco di sensori al suo interno. Sensori di caduta per evitare che Roomba cada dalle scale, una fotocamera sul lato superiore, dove ci sono i (pochi) pulsanti per comandarlo che aiuta moltissimo; è grazie a lei che Roomba sa sempre dov’è andata, dov’è e dove deve ancora andare; infatti, mentre altri modelli sono temporizzatori (girano a caso per 25 minuti e poi si bloccano), Roomba 960 si ferma solo quando ha finito il lavoro in modo completo. Questa è una cosa ottima. In più, una chicca: al contrario di altri Robot, se Roomba finisce la carica della batteria prima di aver finito il lavoro, va a ricaricarsi e solo dopo finisce il lavoro! Incredibile. Ultimo, ma non meno importante è la funzione “Soft Touch” che permette di rendere l’appoggio agli ostacoli di Roomba meno “duro” grazie ad alcuni sensori speciali sul “paraurti” di Roomba..

Roomba 960: L’intelligenza nella pratica.

Ora vi chiederete, ma Roombino è veramente intelligente nella pratica? Beh, sì. Certo, alcune volte si perde in un bicchier d’acqua ma altre situazioni le evita saggiamente. Ho trovato buono ed efficace la modalità di sblocco che usa Roombino quando è nei guai prima di chiamare aiuto. Come dicevo, Roombino sa essere intelligente e stupido nello stesso momento: una volta quando Roombino ha incontrato una porta con dello spessore, ha notato che c’era qualcosa e, proprio grazie alla scelta di pulire il più possibile, ha tentato di passarci a lato, non riuscendo a passarci ma, soprattutto, chiudendo nello stesso tempo la porta. Questo non gli hai consentito di passare per uscire dalla stanza e dunque, semplicemente, ha chiesto aiuto. Una cosa intelligente che poteva invece fare Roomba era comprendere che quella fosse una porta e di tentare di riaprirla. Alcune volte Roombino segna di essersi bloccato quando non è vero; semplicemente ha uno spazio molto risicato per passarci.

Una cosa utile da sapere di Roombino è che non è impermeabile infatti suggerisco sempre di fare attenzione a terra. Uno dei problemi più gravi di Roomba è che non ha un sistema anti-ingarbugliamento. Ovvero, c’e l’ha ma è solo nelle spazzole. Se vi capita come nel mio caso che un filo molto piccolo e strano vi si attacchi alle ruote del vostro Roomba, sarà complicato uscirne ed è probabile che dovrete cambiare il sistema delle ruote.

Sistema di sblocco

Roomba ha un sistema di sblocco che gli permette, in caso si incastri, di uscire da lì nel 98% dei casi. Spinge avanti, spinge indietro, spinge a sinistra e spinge a destra in continuazione con la forza bruta. Quando esce, se ne accorge e smette. Veramente divino come metodo. Pensate che questo permette una risoluzione di inconveniente abbastanza rapida e, questo permette a Roomba di andare in posti molto strani e nascosti anche se ci sono ostacoli molto alti.

Itinerario della pulizia

Per molti il comportamento di Roomba sul suo “posto di lavoro” è diverso da quello aspettato. Ci si aspetterebbe che faccia una stanza alla volta e invece non è così; Roomba segue un suo metodo per velocizzare i lavori. Magari inizierà una stanza, e ne inizia subito un’altra. Insomma, non è detto che finisca tutta la stanza per passare all’altra. La cosa sicura è che alla fine Roomba avrà pulito tutto. Tutto qui.

Tutto si muove sulla comodità. Se Roomba è da quelle parti, e trova una stanza da pulire, subito si cimenta, anche se dopo un po’ potrebbe lasciar stare. La cosa importante è non condizionarlo e lasciargli fare quello che preferisce. Se impostato nell’app, alla fine della pulizia generale, il robot pulirà gli angoli della casa per una pulizia più profonda. Attenzione però: la videocamera, strumento chiave per Roomba per muoversi, ha bisogno di una leggera luce per vedere dove va. Dunque la notte è meglio che non lavori.

La cosa carina di Roomba è che, quando lui torna in una stanza o si riattiva da una ricarica necessaria, lui ripartirà da dove si era fermato. Almeno, fino a quando non riscontrate alcuni problemi…

Roomba è intelligente ma non è immune da problemi.

Purtroppo, anche l’intelligenza evoluta di Roomba alcune volte dà dei piccoli problemi. Vediamone alcuni.

Roombino non passa in una intera stanza.

Questo è un problema che avevo appena ho preso Roomba. Sfortunatamente era un problema molto strano. Il mio errore era che Roomba ignorava la stanza vicina alla base e non ne comprendevo il motivo. Non ci passava proprio. Ho contattato l’iRobot Support e mi hanno detto che c’è un problema tecnico al sistema di navigazione. Al che mi è sembrato strano, perchè chiamando l’azienda che si occupa del marchio sul territorio italiano (Nital S.p.A.) loro mi dicevano che era tutto ok e di spostare la Home Base. A questo punto ho voluto vederci chiaro e ho visto di persona cosa stava succedendo. Studiando meglio l’inconveniente sembrava che davanti a lui trovasse un’ostacolo. Ho dunque provato a spostare la base e tutto è andato benone. Provateci.

A volte Roombino si complica la vita con i cavi.

Questo è uno dei difetti di Roomba. Si attorciglia molto facilmente.

Informazioni varie

Roomba, come ho detto prima ha anche un’App. Alla fine ha poche funzioni ma molto utili. Il problema è che si dovrebbe aggiungere alcune funzionalità che semplificano l’organizzazione dei lavori. Ad esempio, dovrei sapere quando passerà Roomba in una stanza e quand’è la prossima operazione di pulizia per spostarla o annullarla. Naturalmente, dovrei poter indicare dove pulire prima, da che ora e/o fino a che ora farlo.

Una cosa che dovresti sapere è che Roomba è abbastanza rumoroso. Non quanto un’aspirapolvere normale, ma nemmeno silenziosissimo. Una cosa è certa: Roomba non è equiparabile a una donna delle pulizie. Devi curarlo e devi lavorarci un po’ su ma, è comunque una cosa minore di dover fare tutto a mano.

Pro, contro, conclusioni e voti.

PRO:

  • Grande aiuto a casa
  • Collaboratore fidato
  • Intelligente
  • È un aspiratore molto buono
  • Ha tecnologie innovative di domotica e IoT.

CONTRO:

  • È inaffidabile con fili intorno. Potrebbe impigliarsi e, al peggio, romperli.
  • Alcune volte potrebbe dare fastidio perchè se le porte sono chiuse non chiede di aprirle dunque ci si trova con spazi sporchi.
  • Alcune volte la sua intelligenza genera alcuni problemi tecnici (alcune volte Roomba prende un strada immaginaria che gli permette di rifarsi di nuovo tutto l’appartamento)
  • È troppo grande per passare in posti stretti (vedi il gabinetto o il bidet)

VOTO E CONCLUSIONI

8.5. Promosso, sperando in un miglioramento importante per l’intelligenza e per la tecnologia. L’App deve essere completamente ripensata.

Compra Roomba sul sito di Nital.[/sociallocker]


Matteo S.

Matteo è un informatico, lui ama tutte le cose informatiche. Matteo è il Founder e CEO di iTechBlog. Fa una scuola di Cinema e Comunicazione. È fondatore del Gruppo Telegram e a lui piace tanto aiutare!

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole devono essere lette e accettate per inviare il commento, in accordo con il Regolamento Europeo 679/2016.
Per noi la tua privacy è importante. Questa form (“Campi di testo”) raccoglie il tuo nome, indirizzo mail, dominio del sito web (se fornito) e il contenuto del commento cosicché possiamo tenere traccia dei commenti inserito nel sito web. Per maggiori informazioni, controlla la nostra privacy policy dove otterrai maggiori informazioni su dove, come e perchè memorizziamo i tuoi dati. Ti informiamo che, pubblicando il commento accetti inoltre il Regolamento dei Commenti di iTechBlog (“Il Regolamento”), che disciplina il comportamento da tenere nei commenti. iTechBlog è libera di approvare o non approvare i commenti pubblicati o in attesa di pubblicazione sul sito per qualsivoglia motivo senza preavviso e con insindacabile giudizio di iTechBlog. Il Regolamento potrebbe essere tradotto in diverse lingue per comodità, tuttavia in caso di controversie, farà fede esclusivamente la versione italiana.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.